Panorama Assicurativo Ania

Newsletter

Novembre 2005 - N°26

Focus - UE - Statistiche - Normativa - News

Normativa

Libera circolazione dei lavoratori

LUSSEMBURGO: LA NORMATIVA NAZIONALE CONTRASTA CON IL PRINCIPIO COMUNITARIO RELATIVO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI

Corte di Giustizia



Con la sentenza del ventisette ottobre scorso la Corte di Giustizia si è pronunciata sulla questione pregiudiziale C-165/05, ex art. 226 del Trattato CE, sollevata dalla Commissione Europea contro il Granducato del Lussemburgo riguardante il fatto che quest’ultimo, in contrasto con il regolamento CEE n°1612 del 15 ottobre 1968, relativo alla libera circolazione dei lavoratori all’interno della Comunità, prevede nel suo diritto interno che i cittadini di uno Stato terzo, sposati con lavoratori migranti nell’Unione Europea, debbano ottenere un permesso di soggiorno.

L’art.11 del predetto regolamento statuisce, infatti, che il coniuge e i figli a carico fino a 21 anni di età di un cittadino di uno Stato membro, che esercita sul territorio dello stesso un’attività di lavoro dipendente o autonoma, hanno il diritto di accedere a tutte le attività lavorative nel territorio di questo stesso Stato, anche se essi non hanno la nazionalità di uno Stato membro comunitario.

Di contro, l’articolo 1 del regolamento del Granducato di Lussemburgo del 12 maggio 1972, che individua le misure applicabili per l’impiego dei lavoratori stranieri nel territorio del Granducato di Lussemburgo, stabilisce che nessuno straniero può, sul territorio lussemburghese, occupare un lavoro, manuale o intellettuale, senza essere stato autorizzato secondo quanto prescritto dalle disposizioni di tale regolamento.

Ovviamente tale regolamento non trova applicazione per i cittadini di un altro Stato membro o di uno Stato facente parte dell’accordo sullo Spazio Economico Europeo.

La Commissione aveva inoltrato una lettera di messa in mora al Granducato di Lussemburgo il 3 aprile 2003 invitando lo stesso a uniformare il suo diritto interno a quello comunitario entro due mesi dall’avvenuta notifica del presente avviso motivato, nel quale veniva menzionato che tanto la legislazione che la pratica lussemburghese, per il fatto di prevedere l’obbligo del permesso di lavoro per i cittadini degli Stati terzi sposati con dei lavoratori migranti nell’Unione Europea, contrastavano con l’articolo 11 del regolamento CEE n°1612 del 1968.

Il 23 settembre 2003 le Autorità lussemburghesi avevano risposto alla Commissione trasmettendole i principi applicabili in materia di consegna di un permesso di lavoro.

Il 16 aprile e il 20 luglio 2004 la Commissione ha indicato alle Autorità lussemburghesi che un cambiamento del diritto interno era necessario e non avendo ricevuto, dopo tale richiesta, alcuna risposta ha deciso di intraprendere questo ricorso.

La Corte di Giustizia, pronunciandosi al riguardo, ha dichiarato e sentenziato affermando che disponendo nel suo diritto interno l’obbligo di ottenere un permesso di lavoro per i cittadini degli Stati terzi sposati con dei lavoratori migranti dell’Unione Europea e non uniformando la propria legislazione a quella comunitaria, il Granducato di Lussemburgo non ha rispettato quanto previsto dall’art.11 del regolamento 1612/68 e lo ha condannato al pagamento delle spese per la causa in oggetto.

Altri articoli della Newsletter

Focus

🇺🇸 Terrorismo

VERSO IL RINNOVO DEL TRIA

🇪🇸 Politiche di investimento, Vita

IL RICORSO AI DERIVATI NELLE COMPAGNIE VITA SPAGNOLE

🌎 Concorrenza, Sanità

RIFORME E CONCORRENZA: UN CONFRONTO FRA GERMANIA, OLANDA E SVIZZERA

🇧🇪 Catastrofi naturali

LA COPERTURA PER CALAMITÀ NATURALI IN BELGIO

🇺🇸 Catastrofi naturali

DOPO KATRINA: RIPENSARE IL PIANO CONTRO LE ALLUVIONI

🇯🇴 Cultura assicurativa

ASSICURAZIONE E ISLAM SECONDO GLI ULEMA: LE CORRENTI DI PENSIERO PREVALENTI

UE

🇪🇺 Legislazione

LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA FACILITA LA VITA DEI CITTADINI E DELLE IMPRESE A LIVELLO EUROPEO

🇪🇺 Mercato finanziario

L'ANALISI DEGLI OSTACOLI ALLE FUSIONI E ACQUISIZIONI TRANSFRONTALIERE

🇪🇺 Riassicurazione

ADOTTATA LA DIRETTIVA IN MATERIA DI RIASSICURAZIONE

🇪🇺 Diritti previdenziali

REGIMI PENSIONISTICI PROFESSIONALI: PORTABILITÀ DEI DIRITTI PENSIONISTICI

Statistiche

🇪🇺 Protezione Sociale

LA SPESA PER LA PROTEZIONE SOCIALE NEL 2002 ALL’INTERNO DELL’UNIONE EUROPEA

🇧🇬 Assicurazioni

BULGARIA: ALCUNI DATI SIGNIFICATIVI SUL MERCATO ASSICURATIVO NEL PERIODO 2000-2004

🇧🇴 Assicurazioni

BOLIVIA: ALCUNI DATI SUL MERCATO ASSICURATIVO

Normativa

Libera circolazione dei lavoratori

LUSSEMBURGO: LA NORMATIVA NAZIONALE CONTRASTA CON IL PRINCIPIO COMUNITARIO RELATIVO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI

News

🇨🇳 Nuovi rischi, Vita

Prima copertura contro l’influenza aviaria

🇨🇭 Acquisizioni

Swiss Re primo riassicuratore del mondo

🇧🇦 Pensioni

I pensionati in rivolta

🇨🇱 Analisi dei mercati

Un mercato dinamico in un'economia in difficoltà

🇪🇸 Distribuzione

Sempre più diffusa la distribuzione on-line

🇩🇪 Analisi dei mercati

Stagnazione della domanda

🇨🇳 Politiche di investimento

Nuove opportunità di investimento per le compagnie

🇨🇴

Frodi sempre più diffuse

🇹🇼 Pensioni

Riforma delle pensioni in piena campagna elettorale

🇰🇷 Previdenza

I nuovi piani pensionistici migliorano le aspettative di stabilità

🇫🇷 Eventi socio-politici, Incendio

Primi bilanci dopo i disordini nelle periferie

🇬🇧 Auto

Sindrome di Mister Magoo?..

🇰🇪

Allo studio la nuova autorità di controllo

🇲🇼

Piano assicurativo contro la siccità

🇵🇰 Analisi dei mercati, Catastrofi naturali

Il terremoto genera sinistri e blocca gli indennizzi

🇧🇧 Catastrofi naturali

Wilma terzo uragano più costoso della storia

🇸🇦 Sanità

Coperture sanitarie private: ok a 14 compagnie