Panorama Assicurativo Ania

🇬🇧 Modelli interni, Reporting, Solvency II

REGNO UNITO: DOCUMENTI DELLA VIGILANZA SU REPORTING E CONFRONTO MODELLO INTERNO/FORMULA STANDARD

CP37/16 - ‘Solvency II: Reporting of National Specific Templates’ - CONSULTATION PAPER SS15/16 - ‘Solvency II: Monitoring model drift and standard formula SCR reporting for firms with an approved internal model’ - SUPERVISORY STATEMENT


PRA - PRUDENTIAL REGULATORY AUTHORITY BANK OF ENGLAND
http://www.bankofengland.co.uk/pra/


PRA - Pagina di presentazione (CP37/16 e SS15/26 - 25 ott. 2016)

PRA - Link al CONSULTATION PAPER CP37/16

PRA - Link al SUPERVISORY STATEMENT SS15/16




La Prudential Regulatory Authority (PRA) del Regno Unito ha recentemente pubblicato il testo di un Consultation Paper (CP 37/16) e di un Supervisory Statement (SS15/16) in materia di reporting Solvency II.

CP37/16 - ‘Solvency II: Reporting of National Specific Templates’ (NSTs)  - (CONSULTATION PAPER)

Il Consultation Paper propone modifiche ai templates (National Specific Templates - NSTs) in relazione alla tipologia di file e al reporting format. In particolare:

  • reporting a partire dalla fine dell’esercizio 2017, ove le imprese presentino i templates (NSTs) in formato XBRL standard;
  • misure transitorie per la fine dell’esercizio 2016, ove le imprese presentino i templates (NSTs) in XBRL-enabled format  oppure in formato standard XBRL;
  • aggiornamenti da apportare ai LOG Files dei templates (NSTs), al fine di mantenere coerenza con le modifiche ai riferimenti delle celle, con i chiarimenti in materia di reporting e con le correzioni di carattere tecnico.

La consultazione in merito al CP37/16 si chiuderà il 6 dicembre 2016.

SS15/16 - ‘Solvency II: Monitoring model drift and standard formula SCR reporting for firms with an approved internal model’   (SUPERVISORY STATEMENT)

Il Supervisory Statement contiene le risposte di PRA ai feedback ricevuti dal mercato relativamente al Consultation Paper (CP)22/16, pubblicato nello scorso mese di maggio(1).

Nel paper in consultazione veniva descritto l’approccio dell’Autorità in merito al monitoraggio dei risultati dei modelli interni rispetto a quelli della formula standard di Solvency II. Secondo le aspettative di PRA, le imprese autorizzate all’uso di un modello interno dovrebbero comunicare alla vigilanza, ogni anno e in via privata, anche il valore dell’SCR calcolato in base alla formula standard, in modo da permettere all’Autorità di utilizzare i risultati della formula standard per monitorare l’eventuale scostamento dei modelli interni rispetto a misure oggettive di rischio (SCR standard, MCR prima dell’applicazione del “corridor”, premi netti e best estimate delle riserve tecniche).

In risposta ai feedback ricevuti, nel Supervisory Statement SS15/16 PRA ha provveduto a chiarire quanto segue: 

  • la Standard Formula rappresenta uno strumento utile a monitorare gli scostamenti, pur riconoscendo che possono esservi limiti quanto al calcolo di detta formula per quelle imprese che utilizzano modelli interni;
  • i requisiti saranno soggetti ad “aggiustamenti” solo nel caso in cui siano intervenute modifiche di consistente entità nel modello, oppure in presenza di modifiche nel profilo di rischio che risultino in un effettivo cambiamento dell’SCR;
  • le imprese comunicheranno alla vigilanza, in via privata, il valore dell’SCR calcolato in base alla formula standard. Tale calcolo non necessita di auditing esterno, ma il reporting alla vigilanza verrà approvato da un membro del Senior Management e dovrà pervenire un mese dopo la data prevista per l’annuale presentazione a PRA dei Quantitative Reporting Templates.

________________________________

 (1) Sul punto, si veda: “Regno Unito: due consultazioni PRA in materia di modelli interni, in Panorama Assicurativo n.152, giugno 2016 (Sezione “NORMATIVA”).
http://www.panoramassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=37798&est=1