Panorama Assicurativo Ania

🇪🇺 Equivalenza, Solvency II

LA COMMISSIONE EUROPEA PUBBLICA DUE DECISIONI SULL’EQUIVALENZA DI SETTE PAESI

C(2015) 3754 final - COMMISSION DELEGATED DECISION (EU) of 5.6.2015, on the equivalence of the solvency and prudential regime for insurance and reinsurance undertakings in force in Switzerland based on Articles 172 (2), 227(4) and 260(3) of Directive 2009/138/EC of the European Parliament and of the Council” C(2015) 3740 final - COMMISSION DELEGATED DECISION (EU) of 5.6.2015, on the provisional equivalence of the solvency regimes in force in Australia, Bermuda, Brazil, Canada, Mexico and the United States and applicable to insurance and reinsurance undertakings with head offices in those countries" ”Insurance: European Commission adopts a first package of third country equivalence decisions under Solvency II” – PRESS RELEASE


EUROPEAN COMMISSION
http://europa.eu/


EUROPEAN COMMISSION Link alla PRESS RELEASE

EUROPEAN COMMISSION Eqivalence decisions under S-II - PAGINA DI PRESENTAZIONE

EUROPEAN COMMISSION Equivalence decision concerning Switzerland (C(2015) 3754 final)

EUROPEAN COMMISSION Equivalence decision concerning Australia, Bermuda, Brazil, Canada, Mexico and the United States (C(2015) 3740 final)


Il 5 giugno scorso, la Commissione europea ha pubblicato due decisioni in materia di equivalenza dei regimi di solvibilità di sette Paesi terzi.

La prima decisione riguarda la Svizzera, cui è riconosciuta piena equivalenza per un periodo di tempo indeterminato in tutte le tre aree previste da Solvency II, ossia calcolo della solvibilità (art. 227 della Direttiva), vigilanza di gruppo (art. 260) e riassicurazione (art. 172).

La seconda decisione riguarda Australia, Isole Bermude, Brasile, Canada, Messico e Stati Uniti, paesi ai quali la Commissione riconosce un’equivalenza transitoria per un periodo di 10 anni.

Se il Consiglio o il Parlamento europeo non dovessero esprimere obiezioni su queste decisioni entro un termine di tre mesi (estendibile, su richiesta, di altri tre mesi), le decisioni saranno adottate e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea.