Panorama Assicurativo Ania

🌎 Cat bond, Rischio sistemico

CAT BONDS E RISCHIO SISTEMICO: LA CARTOLARIZZAZIONE DEI RISCHI CATASTROFALI FAVORISCE LA STABILITA’

Catastrophe bonds and systemic risk

Gregor N.F. WEISS, Denefa BOSTANDZIC, Felix IRRESBERGER


SSRN-SOCIAL SCIENCE RESEARCH NETWORK
http://www.ssrn.com


Link al PAPER


I catastrophe bond sono uno strumento sempre più diffuso per la gestione dei rischi di carattere catastrofale: essi consentono alle imprese di (ri)assicurazione di diversificare i rischi, ricorrendo al mercato finanziario, e di accrescere la stabilità.

Tuttavia, a fronte di una crescente diffusione di questi strumenti, si sostiene da parte di alcuni (ad esempio la IAIS, l’Associazione internazionale fra le Autorità di vigilanza assicurativa) che il trasferimento del rischio catastrofale ai mercati finanziari potrebbe comportare un’accresciuta interdipendenza tra imprese di assicurazione e altri operatori finanziari e, di conseguenza, un aumento del rischio sistemico. Se, infatti, la fragilità del settore assicurativo, conseguente a qualche grave catastrofe, dovesse riflettersi sul resto del mercato finanziario, è possibile che si verifichi una destabilizzazione dell’intero sistema.

Nel paper qui presentato viene analizzato un campione di 176 emissioni di cat bond, avvenute fra dicembre 1996 e aprile 2013, al fine di valutare il livello di rischio sistemico conseguente alla diffusione di questa tipologia di strumenti finanziari.

I risultati evidenziano che, contrariamente alle opinioni sopra citate, le emissioni di cat bonds riducono il contributo delle imprese di assicurazione al rischio sistemico: i cat bonds consentono una riduzione del rischio di default dell’emittente, in quanto limitano la sua esposizione al rischio catastrofale; in secondo luogo, l’emissione di cat bonds non espone le imprese assicuratrici a esternalità negative provenienti da altri comparti del sistema finanziario nei periodi di forte turbolenza dei mercati.

La conclusione degli autori è che i due effetti positivi che emergono - diminuzione della probabilità di default dell’emittente e maggiore stabilità a livello sistemico - dovrebbero convincere i supervisor internazionali a non penalizzare, dal punto di vista regolamentare, le emissioni di cat bonds.