Panorama Assicurativo Ania

🌎 Disoccupazione, Lavoro

IL MERCATO DEL LAVORO A LIVELLO MONDIALE NEL RAPPORTO ILO 2013

World of Work Report 2013: "Repairing the economic and social fabric"


ILO – INTERNATIONAL LABOUR ORGANIZATION
http://www.ilo.org


Link al Report (en)

Executive Summaries (en, es, fr)


ILO - Organizzazione Internazionale del Lavoro - ha pubblicato il report annuale sull’evoluzione del lavoro a livello mondiale nel 2012. Si tratta di un ampio resoconto, anche statistico, dell’evoluzione dell’occupazione nelle diverse regioni del mondo.

Mentre la maggioranza dei paesi in via di sviluppo ed emergenti ha sperimentato negli ultimi tre anni una crescita dell’occupazione, la situazione per i paesi economicamente avanzati  è più complessa. Dopo la crisi finanziaria scoppiata nel 2008, solo alcuni (Australia, Canada, Nuova Zelanda, Sud Corea) hanno recuperato i livelli precedenti di impiego della forza lavoro. I primi segnali incoraggianti stanno arrivando solo recentemente dagli Stati Uniti e dal Giappone. Al contrario, l’Europa sta vivendo un progressivo deterioramento del mercato del lavoro e della situazione sociale.

A livello mondiale, secondo il report ILO, il numero dei disoccupati dovrebbe crescere dagli attuali 200 milioni e arrivare a 208 milioni nel 2015.

Tra le politiche che -  se ben progettate -  potrebbero permettere di ottenere un miglioramento della situazione sul mercato del lavoro sia nei paesi emergenti sia in quelli economicamente avanzati, il report cita in particolare alcuni interventi sui sistemi di protezione sociale e per la redistribuzione dei redditi, che permetterebbero di  intervenire sulle diseguaglianze economiche e costituirebbero uno stimolo ai consumi e, quindi, allo sviluppo economico.

Tra queste politiche ILO indica, in particolare, il reddito minimo di cittadinanza che, attualmente è presente solo in circa il 50% dei 151 paesi per i quali esistono dati statistici.

Il report è articolato nei seguenti capitoli:

  • panoramica delle tendenze in materia di occupazione e relative previsioni;
  • distribuzione del reddito e peso del ceto medio nei diversi paesi;
  • ruolo del reddito minimo nel ribilanciamento di un’economia;
  • investimenti per promuovere uno sviluppo che favorisca l’occupazione;
  • come progredire verso una crescita più equa.