Rocco Roberto CERCHIARA, Francesco ACRI
“Estimating the Volatility of Non-Life Premium Risk Under Solvency II: Discussion of Danish Fire Insurance Data”
Solvency II, Assicurazione danni, Rischio assicurativo

Le compagnie di assicurazione danni sono esposte - tra gli altri - al rischio di tariffazione, che è il rischio di perdite conseguenti all’insufficienza dei premi incassati. Il rischio si riferisce all'incertezza nella gravità, nella frequenza o nella tempistica dei sinistri che si verificano durante il periodo di validità del contratto.
Per un assicuratore danni, il “premium risk” è un fattore chiave di incertezza dal punto di vista sia operativo sia di solvibilità. Per quanto riguarda la prospettiva della solvibilità, esistono molti metodi utili per fornire una visione corretta del capitale necessario per far fronte agli esiti avversi correlati al rischio di tariffazione. In particolare, la valutazione della distribuzione della perdita aggregata svolge un ruolo fondamentale nell'analisi dei livelli di rischio e solvibilità.
Gli Autori, nello specifico, studiano le ipotesi di volatilità sottostanti al calcolo del premium risk nell’assicurazione danni nell'ambito della formula standard di Solvency II e sviluppano un modello empirico su dati reali, tratti dall'assicurazione incendio in Danimarca.

Il modello empirico evidenzia due aspetti principali.
In primo luogo, rispetto alla letteratura esistente, il lavoro innova l’adattamento dei dati dell'assicurazione incendio danese utilizzando un modello composito con una soglia casuale.
In secondo luogo, dimostra  - adattando i dati dell'assicurazione incendio in Danimarca -  che per le grandi compagnie assicuratrici la volatilità della formula standard è superiore alla volatilità stimata con modelli interni, come i modelli compositi, anche tenendo conto della dipendenza tra sinistri di tipo “attrictional” e grandi sinistri.

UE
STATISTICHE
NORMATIVA
NEWS