NEWS
“La FFA présente le programme d’investissements de 1,5 milliard d’euros des assureurs pour la santé, le tourisme et la relance de l’investissement des PME et des ETI” (FFA PRESS RELEASE, 01.07.2020)
FFA - FÉDÉRATION FRANÇAISE DE L’ASSURANCE
https://www.ffa-assurance.fr/
Investimenti

 

I primi di luglio, la Federazione degli assicuratori francesi (FFA) ha presentato il programma di investimenti, per  un ammontare di 1,5 miliardi di euro, in favore dei settori della salute, del turismo e per il rilancio delle piccole  e medie imprese.

Gli assicuratori francesi si sono impegnati a sostenere così l’economia nazionale, provata dalle conseguenze della crisi provocata dal Covid-19. Il piano di investimenti  - in collaborazione con la Caisse de Dépôts et Consignations – sarà articolato in tre diverse componenti (“volets”) e  rivolto in maggior parte agli strumenti azionari.

Un primo “volet”  sarà destinato principalmente ai gestori dei fondi «NOV» e ai gestori partner delle imprese assicuratrici, a vantaggio delle piccole e medie imprese, senza un particolare orientamento settoriale. Un  primo versamento di oltre 100 milioni di euro è stato  effettuato il  29 maggio nel fondo  NOVA2, che investe in imprese quotate con sede in Francia operanti nei settori dell’industria e dei servizi.

Un secondo “volet” (circa 150 milioni di euro) sarà realizzato nel corso dell’estate ed è diretto alle imprese del settore turistico attraverso una o più piattaforme di finanziamento (partecipazioni) e un fondo di investimento in azioni.

L’ultimo “volet” (almeno 600 milioni di euro) sarà dedicato al settore della sanità e sarà costituito da tre fondi;  gli investimenti contribuiranno a rafforzare la sovranità sanitaria e saranno realizzati nei settori della ricerca, delle infrastrutture, della logistica, dei servizi per la salute. La realizzazione è prevista in ottobre; la governance sarà articolata tra un Comitato di investitori e un Consiglio scientifico consultivo, composto da personalità di spicco del settore sanitario.

I gestori dei nuovi fondi saranno selezionati mediante gare d'appalto. In questa fase, oltre 60 gestori patrimoniali hanno espresso interesse per i fondi incentrati su turismo e salute.

In tale contesto, gli investitori hanno inteso promuovere una ripresa economica sostenibile e duratura, favorendo l’innovazione anche in relazione a criteri extra-finanziari. Pertanto, l’effettuazione di investimenti in imprese non quotate sarà subordinata all'integrazione delle sfide dello sviluppo sostenibile e alla definizione di obiettivi in tale ambito. Inoltre, i criteri extra-finanziari dovranno essere sistematicamente presi in considerazione nel processo di selezione delle imprese, mentre determinate attività (come il carbone termico) saranno escluse.

L'impatto finanziario ed extra-finanziario del programma sarà valutato nel corso della sua attuazione considerando, tra l'altro, aspetti quali la creazione di posti di lavoro, la “quota femminile” nel management, le emissioni di carbonio, la rilocalizzazione della produzione.

UE
STATISTICHE