Ruo JIA, Zenan WU, Yulong ZHAO
“Adverse Impacts of Regulatory Reforms and Policy Remedies: Theory and Evidence” (March 2020)
Solvibilità


Gli Autori del Paper valutano l'impatto di uno shock “normativo” sull’assunzione di rischi da parte degli istituti finanziari.

In tal senso, sviluppano un modello di scelta del portafoglio per studiare la relazione tra l'adeguatezza patrimoniale dell'impresa e l'assunzione di rischi nel quadro di una regolamentazione del capitale basata sul rischio (o, in alternativa, non basata sul rischio) ed esaminano come una riforma della regolamentazione influenzi tale relazione.
Il modello prevede che tutti gli istituti finanziari riducano la propria assunzione di rischio o che esista una soglia di adeguatezza patrimoniale al di sotto della quale l'assunzione di rischio aumenta man mano che la regolamentazione diventa più rigorosa.

La riforma che, in Cina, ha introdotto un regime di solvibilità orientato al rischio nel settore assicurativo fornisce un esperimento naturale unico per testare la teoria.
Nel 2015, ogni impresa assicuratrice del mercato cinese era tenuta a dichiarare i propri indici di solvibilità sia in base ai sistemi di regolamentazione originari non basati sul rischio sia in base ai nuovi criteri di tipo risk-based. La differenza tra i due indici di solvibilità fornisce una misura esogena e specifica della variazione della pressione normativa verificatasi a seguito della riforma.

Coerentemente con le previsioni teoriche, si rileva che l'aumento della pressione normativa induce una maggiore assunzione di rischi per gli assicuratori meno conformi ai requisiti di capitale, una conseguenza non intenzionale della riforma della regolamentazione. Si dimostra, altresì, che accrescere le sanzioni in caso di insolvenza, aumentare la sensibilità al rischio dei requisiti patrimoniali e rafforzare la valutazione qualitativa del rischio sono rimedi efficaci a questo problema.

UE
STATISTICHE
NEWS