NEWS
“COVID-19 Risks Outlook. A Preliminary Mapping and Its Implications”
Insight Report - in partnership with Marsh & McLennan and Zurich Insurance Group (May 2020)
WEF – WORLD ECONOMIC FORUM
https://www.weforum.org/
Pandemia, Risk management, Covid-19


Il World Economic Forum, in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich Insurance Group, ha pubblicato un report su rischi e implicazioni sociali ed economiche  - attuali e potenziali -  della pandemia Covid-19.

Il documento, basato su un sondaggio nel quale sono stati intervistati 350 risk manager a livello mondiale, identifica i 31 principali rischi connessi alla pandemia secondo tre dimensioni: probabilità di accadimento, gravità delle conseguenze percepite e gravità dal punto di vista delle imprese.

La recessione provocata dalla pandemia, ad esempio, è considerata dalle imprese intervistate il rischio nettamente prevalente: oltre due terzi ha risposto, infatti, che l’arretramento dell’economia costituisce la preoccupazione più grave a livello mondiale, seguita dall’insolvenza di imprese e dalla distruzione delle supply chain.

La classifica dei principali rischi legati a COVID-19 è, secondo la probabilità di accadimento, la seguente:

  • una recessione prolungata;
  • l’aumento dei fallimenti delle maggiori imprese;
  • l’impossibilità della ripresa per alcuni settori economici e in alcuni Paesi.

La classifica per gravità delle conseguenze percepite prevede:

  • una recessione prolungata;
  • livelli più elevati di disoccupazione strutturale;
  • la ripresa della pandemia.

La classifica dei rischi più gravi secondo le imprese vede, invece:

  • una recessione prolungata;
  • l’aumento dei fallimenti delle maggiori imprese;
  • l’aumento dei cyber attack connesso alla sempre maggiore digitalizzazione dell’attività economica.

Integrando le risposte relative alle tre dimensioni, il report individua le principali categorie di rischio legate alla pandemia:

  • i rischi emergenti dal cambiamento strutturale legato alla grande recessione;
  • i rischi di stallo nelle politiche per la gestione del cambiamento climatico;
  • i rischi connessi alle perturbazioni sociali;
  • i rischi connessi all’adozione non sufficientemente ragionata di soluzioni tecnologiche.

Tuttavia, la crisi offre anche un’opportunità unica per dar vita a un mondo migliore. Con la ripresa della economia c'è, infatti, l’opportunità di coniugare una maggiore uguaglianza sociale con la sostenibilità ambientale, nell’ottica degli obiettivi del 2030.

STATISTICHE