“The General Board of the European Systemic Risk Board takes first set of actions to address the coronavirus emergency at its extraordinary meeting on 6 May 2020”
ESRB – EUROPEAN SYSTEMIC RISK BOARD
https://www.esrb.europa.eu/
Vigilanza, Rischio sistemico, Covid-19


Il 6 maggio scorso, il Consiglio generale dell’European Systemic Risk Board (ESRB) ha identificato le cinque aree prioritarie per affrontare l'impatto dell'emergenza Covid-19 sul settore finanziario da una prospettiva macroprudenziale, consentendo alle istituzioni di continuare a fornire servizi vitali all'economia reale e garantire che siano disponibili adeguate risorse di capitale e liquidità all'interno del sistema.

Le cinque azioni riguardano:

  • le implicazioni per il sistema finanziario degli schemi di garanzia e altre misure fiscali a sostegno dell'economia reale: a causa della pandemia e delle conseguenti misure di contenimento, le Autorità nazionali e dell'UE hanno adottato una serie di misure decisive per sostenere la liquidità e la solidità delle imprese e per proteggere i redditi delle famiglie. ESRB sta effettuando un bilancio delle misure finora introdotte e sta istituendo un quadro per il monitoraggio delle implicazioni macroprudenziali di tali misure;
     
  • illiquidità del mercato e implicazioni per asset manager e assicuratori: il forte calo dei prezzi delle attività osservato all'inizio della crisi è stato accompagnato da significative richieste di rimborso per alcuni fondi di investimento e dal deterioramento della liquidità dei mercati finanziari. Il Consiglio ha identificato due segmenti del settore dei fondi di investimento come prioritari per un maggiore controllo dal punto di vista della stabilità finanziaria: il primo comprende i fondi di investimento con significative esposizioni verso il corporate debt; il secondo include i fondi con esposizioni rilevanti verso l’area del real estate. Più in generale, il Consiglio ha sottolineato che gli strumenti di gestione della liquidità disponibili per i gestori di fondi possono aiutare a mitigare il rischio di vendite di massa di attività finanziarie;
     
  • l’impatto di declassamenti delle obbligazioni sui mercati e le imprese del sistema finanziario: le ricadute economiche della pandemia potrebbero innescare un’ondata improvvisa di declassamenti del rating delle obbligazioni societarie a causa dell'aumento sistemico del rischio di credito. Dal punto di vista macroprudenziale, è importante garantire che gli effetti di questi declassamenti non compromettano il funzionamento dei mercati finanziari in modo da ridurre al minimo gli effetti negativi sull'economia reale;
     
  • restrizioni a livello di distribuzione di dividendi, riacquisto di azioni e altri pagamenti: numerosi Paesi e Istituzioni europee hanno incoraggiato le banche e le compagnie assicuratrici a limitare i pagamenti legati alla remunerazione degli azionisti (dividenti, bonus, riacquisto di azioni).  Ciò può migliorare la resilienza del settore finanziario, rafforzando la sua capacità di sostenere l'economia reale nelle situazioni di crisi, riducendo nel contempo il rischio di fallimento degli istituti finanziari;
     
  • rischi di liquidità derivanti da richieste di margini a garanzia: il Covid-19 e le recenti crisi del mercato petrolifero hanno causato un forte calo dei prezzi delle attività e una maggiore volatilità, con conseguenti significative richieste di integrazione dei margini a garanzia delle posizioni sui mercati. ESRB ha sottolineato l'importanza di mitigare la prociclicità che potrebbe essere collegata alla fornitura di servizi di compensazione e allo scambio di margini nei mercati, di migliorare gli scenari di stress e di limitare i vincoli di liquidità.
STATISTICHE
NEWS