“A Review of Macroprudential Policy in the EU in 2019” (April 2020)
ESRB – EUROPEAN SYSTEMIC RISK BOARD
https://www.esrb.europa.eu/
Vigilanza, Rischio sistemico


L’ESRB (European Systemic Risk Board) ha pubblicato recentemente un Report di analisi degli sviluppi più importanti della politica macroprudenziale verificatisi nel 2019.

Lo scorso anno, i responsabili delle politiche macroprudenziali hanno continuato a operare in un ambiente caratterizzato da elevati rischi di stabilità finanziaria. In un contesto di rischi elevati, sono stati utilizzati gli strumenti a disposizione per tenere sotto controllo i rischi.

La maggior parte delle misure sono state prese per affrontare i rischi ciclici emergenti o prevalenti nel settore bancario. Tuttavia, la crescente importanza del sistema finanziario non bancario ha portato a una maggiore attenzione nella valutazione e nel contrasto dei rischi e delle vulnerabilità al di fuori del settore bancario. Il Report offre una panoramica degli sviluppi del quadro della politica e delle misure macroprudenziali, sia per le banche che per le istituzioni finanziarie non bancarie, adottate o attuate nel 2019. Fornisce anche un aggiornamento sul rilascio delle riserve di capitale anticicliche e sulla ricalibrazione/rimozione di altre riserve di capitale per le banche alla luce della pandemia di COVID-19.

Per quanto riguarda il settore assicurativo, l'ambiente di bassi tassi di interesse è uno dei principali rischi sistemici identificati; alcuni Paesi hanno adottato misure per aumentare la resilienza o intensificato il monitoraggio. I bassi tassi di interesse hanno ridotto nel 2019 la solvibilità e, in alcuni casi, anche la redditività delle imprese assicuratrici. Gli assicuratori vita che hanno offerto rendimenti garantiti agli assicurati sono particolarmente colpiti, poiché trovano sempre più difficile investire in attività che producano uno spread sufficiente rispetto ai tassi garantiti. Le Autorità belghe hanno adottato nuove misure per aumentare la resilienza degli assicuratori di fronte a un ambiente di bassi tassi di interesse, mentre le Autorità austriache, francesi e italiane hanno rafforzato il monitoraggio degli effetti che tale scenario prolungato sta avendo sui mercati.

Analogamente, gli istituti di previdenza professionale si trovano ad affrontare un panorama sfidante e potrebbero essere influenzati da una eventuale rivalutazione dei premi per il rischio, mentre il quadro normativo europeo non fornisce alle Autorità competenti alcuno strumento di natura macroprudenziale. In un contesto di bassi tassi di interesse, aumento della volatilità del mercato e cambiamenti demografici e del mercato del lavoro, lo stress test del 2019 condotto da EIOPA(1) ha valutato la resilienza dei fondi pensione a un'improvvisa rivalutazione dei premi di rischio. Lo scenario avverso ha comportato un deficit aggregato tra attività totali e passività totali pari a circa il 2% del PIL 2018 dei Paesi partecipanti.

_________________________
(1) Si veda, in proposito: “EIOPA: pubblicati i risultati dello stress test 2019 sui fondi pensione europei”, in Panorama Assicurativo n. 196, febbraio 2020 (Sezione “UE”).
http://www.panoramassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=41286&est=1

STATISTICHE
NEWS