NEWS
“Implications of coronavirus for North American life and annuities writers”
MCKINSEY & COMPANY
https://www.mckinsey.com/
Covid-19, Assicurazione vita, Pandemia


Gli effetti della pandemia Covid–19 sull’industria assicurativa vita nel Nord America sono al centro di un recente Report di McKinsey.

Durante la pandemia, le aziende si sono giustamente focalizzate sulla sicurezza dei propri dipendenti e clienti, oltre che sulle misure immediate volte a garantire la continuità aziendale. Poiché gli effetti della crisi continuano a manifestarsi, è difficile valutare la complessità delle sfide per il settore assicurativo vita e rendite nordamericano. Le incertezze relative all’andamento dei tassi di contagio per tutto il 2020 comportano per le compagnie assicurative sfide senza precedenti, che potrebbero estendersi oltre i rimedi a breve termine che molti hanno già implementato.

Oltre a considerazioni operative urgenti, gli assicuratori devono mettere in conto tassi di morbilità e mortalità potenzialmente molto volatili. Gli impatti di secondo ordine possono essere gravi quanto gli effetti di primo ordine. Le imprese esposte sul fronte del rischio di disabilità, in particolare, dovrebbero essere preparate a perdite potenzialmente elevate, dato l'impatto economico della pandemia.

È prevedibile, inoltre, una flessione della raccolta premi vita a causa sostanzialmente di tre fattori: le condizioni macroeconomiche, un atteggiamento più conservativo delle compagnie quanto a sottoscrizione e tassi di premio, il cambiamento delle relazioni con i clienti, che si rifletterà sulle modalità di vendita tradizionali, basate sulla presenza fisica.

Gli effetti saranno comunque radicali sulla nuova produzione e sulla raccolta già esistente, a tutti i livelli della catena del valore, dalla distribuzione alla gestione, e renderanno indispensabile un ripensamento della strategia di medio-lungo termine, un cambiamento dell’offerta e maggiore attenzione ad aspetti gestionali e di efficienza.

Le compagnie potranno intervenire sulla rete distributiva, incentivando gli strumenti digitali in tutte le fasi del processo di vendita e ampliando la facilità nella sottoscrizione, evitando esami medici non necessari.

È altresì necessario riconsiderare l’immagine stessa delle assicurazioni vita, tornando al ruolo di garanti rispetto a rischi esterni e al mantenimento di una sempre più preziosa “peace of mind”.

UE
STATISTICHE
NORMATIVA