NORMATIVA
“Emergenza epidemiologica da COVID-19 - adempimenti di legge gravanti sugli operatori” (WEBPAGE DI PRESENTAZIONE e DOCUMENTO, 3 aprile 2020)
IVASS – ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI
https://www.ivass.it/
Covid-19, Pandemia


Il 3 aprile scorso, IVASS ha pubblicato un avviso, diretto alle imprese e agli intermediari assicurativi, in cui raccomanda ai soggetti vigilati di adoperarsi affinché l’attività assicurativa continui a svolgersi correttamente e nell’interesse dei consumatori, pur nell’eccezionalità della situazione determinata dall’epidemia da Covid-19. 

L’emergenza epidemiologica e le misure adottate dal Governo per il contenimento del contagio – ricorda l’Istituto - limitano lo svolgimento di attività produttive e commerciali e pongono restrizioni che riducono la mobilità delle persone sul territorio nazionale.

Dal quadro normativo - prosegue IVASS - emerge, da un lato, che i termini per l’adempimento degli obblighi di legge non espressamente sospesi sono tuttora pienamente vigenti e, dall’altro, che l’attività assicurativa è inclusa fra le attività commerciali esentate dalla sospensione.
Ciò implica che gli operatori del settore dovranno avere cura, in relazione agli impegni assunti e compatibilmente con la situazione di emergenza, di organizzarsi al meglio per garantire la continuità dei servizi e la migliore tutela degli interessi degli utenti. Nella prospettiva della continuità operativa, sarebbe fra l’altro auspicabile  - secondo la Vigilanza -  un ampio utilizzo della posta elettronica e dei mezzi telematici di comunicazione per l’invio delle comunicazioni dovute alla clientela, riservando il ricorso al servizio postale – la cui operatività è stata significativamente ridotta come conseguenza dell’emergenza sanitaria - ai casi in cui ciò sia strettamente indispensabile.

In ogni caso, in linea con le indicazioni recentemente fornite da EIOPA, l’Istituto raccomanda ai soggetti vigilati di adoperarsi affinché l’attività assicurativa continui a svolgersi correttamente e nell’interesse dei consumatori, pur nell’eccezionalità della situazione, e, in particolare:

  • di fornire tempestiva e chiara informativa alla clientela in ordine alle misure organizzative adottate per garantire la continuità dei servizi e corrette relazioni contrattuali, segnalando prontamente eventuali modifiche operative e situazioni di impedimento all’ordinaria gestione dei rapporti;
     
  • di conservare specifica evidenza degli eventuali impedimenti al regolare svolgimento dell’attività e dei rimedi adottati a salvaguardia dei diritti dei clienti che potrebbero subire pregiudizio da ritardi o disguidi nelle comunicazioni ad essi dirette; ciò al fine di consentire di valutarne l’eventuale portata esimente o attenuante in relazione ai casi concreti che si porranno all’attenzione;
     
  • di tenere in adeguata considerazione le difficoltà che anche i consumatori possono incontrare nell’assolvimento dei propri obblighi, in conseguenza delle misure di contenimento del contagio da COVID-19.

L’Istituto si riserva di fornire gli eventuali ulteriori chiarimenti che potranno essere necessari in relazione all’evolversi della situazione.

UE
STATISTICHE
NEWS