NEWS
“A climate scenario analysis of U.S. insurers’ portfolios”
Investimenti, Risk management, Cambiamento climatico


Blackrock ha recentemente pubblicato un Report sulla gestione degli attivi delle imprese assicuratrici statunitensi alla luce dei rischi connessi al climate change.

Gli assicuratori, come è noto, sono esposti ai rischi climatici sotto due profili: come sottoscrittori e come investitori istituzionali.

Uno dei problemi fondamentali è quello della gestione del processo di decarbonizzazione dell’economia, con la difficoltà di riallocare decine di migliaia di miliardi di asset.  Per questo motivo, le analisi di scenario sono particolarmente utili per individuare le strategie adottabili.

Ipotizzando – come scenario di base – che il sistema economico si allinei all’impegno di mantenere l’aumento della temperatura entro i due gradi (come sottoscritto nell’accordo di Parigi del 2015), l’attuale portafoglio degli assicuratori vita, danni e malattia statunitensi dovrà modificare le tipologie di impiego, perseguendo sia una riduzione delle emissioni di carbonio per unità di energia prodotta sia - più in generale - una diminuzione dell’intensità energetica del prodotto interno, puntando, in altre parole, alla produzione dello stesso output con molta meno energia.

Se questo è vero a livello generale, per le compagnie USA è consigliabile adottare una strategia a diversi stadi che preveda - in primo luogo -  una forte riduzione degli asset investiti nel settore carbonifero, seguita dall’aumento degli investimenti in energie rinnovabili e, infine, da una mirata ricomposizione degli impieghi nel settore automobilistico, privilegiando le imprese attive nell’ibrido e nell’elettrico.

I diversi scenari elaborati nel Report sono utili non solo per ricostruire la materialità dei rischi climatici nei portafogli delle imprese,  ma possono anche costituire il punto di partenza per elaborare una compiuta strategia ESG (Environment, Social, Governance) interna.

STATISTICHE