NEWS
“Climate risk and response: Physical hazards and socioeconomic impacts”
MCKinsey Global Institute (Jan. 2020)
McKINSEY & COMPANY
https://www.mckinsey.com/
Cambiamento climatico


I rischi fisici derivanti dal clima persistono e le aree interessate potrebbero crescere in numero ed estensione. In assenza di adeguate misure di adattamento e mitigazione dei rischi, le caratteristiche “non lineari” di questo impatto potrebbero generare ripercussioni sociali ed economiche su larga scala, mettendo a rischio milioni di persone, trilioni di dollari di attività economiche e importanti risorse materiali e naturali del Pianeta.
Nelle loro decisioni, aziende, investitori e governi non possono quindi prescindere da una valutazione dei rischi climatici. Sono queste alcune delle conclusioni contenute nel nuovo report del McKinsey Global Institute dal titolo “Climate risk and response: Physical hazards and socioeconomic impacts”, pubblicato recentemente.

Il cambiamento climatico già oggi pone sotto una notevole pressione i sistemi socioeconomici mondiali. Il report, attraverso proiezioni sui modelli climatici, evidenzia come il continuo cambiamento del clima sia destinato a far emergere nuovi rischi e nuove incognite nei prossimi tre decenni. L’analisi si basa sullo scenario Representative Concentration Pathway (RCP) 8.5 sulla concentrazione di gas serra, ovvero quello che presenta le emissioni più elevate; ciò per consentire di valutare il rischio fisico in un contesto invariato di decarbonizzazione.
Esaminando il rischio intrinseco del cambiamento climatico in assenza di azioni di adattamento e di mitigazione, la ricerca si propone di misurarne l’impatto potenziale e indicare i passi da compiere per gestire tali incertezze.

Tra le principali evidenze dell’analisi:

  • il cambiamento climatico sta già esercitando un impatto fisico rilevante in diverse aree del mondo, che sono destinate a crescere in numero e dimensione;
     
  • al superamento delle soglie di sistema, gli impatti socioeconomici del cambiamento climatico potrebbero non essere lineari e generare effetti a catena;
     
  • l'impatto socioeconomico del cambiamento climatico potrebbe essere molto rilevante a livello globale, con ricadute dirette su persone, risorse materiali e naturali;
     
  • i mercati finanziari potrebbero identificare in anticipo il rischio nelle regioni interessate, con conseguenze su allocazione dei capitali e assicurazioni;
     
  • i Paesi e le aree con i livelli di PIL pro capite più bassi risultano più esposti al rischio;
     
  • affrontare il rischio climatico fisico richiederà una gestione più sistematica del rischio, un’accelerazione dell'adattamento e della decarbonizzazione.
STATISTICHE