Michael ABRAMOWICZ
“Blockchain-Based Insurance”
Insurtech, Blockchain


Sino ad oggi, l'interesse del settore assicurativo per la Blockchain si è focalizzato principalmente sulla possibilità di registrare i contratti assicurativi in ​​modo trasparente.
Se, da un lato, la Blockchain può comportare efficienze significative su questo fronte, dall’altro essa ha un potenziale di trasformazione considerevolmente più ampio.

I “contratti intelligenti” (smart contracts) potrebbero servire da sostituto per le compagnie di assicurazione, concepite in modo convenzionale. Tali contratti potrebbero svolgere la funzione di decidere se i sinistri debbano essere liquidati, senza la necessità o la possibilità di un intervento giudiziario.

La Blockchain e i contratti intelligenti sono difficili da regolamentare in quanto la proprietà e il processo decisionale possono essere decentrati. L'assicurazione basata sulla Blockchain può fornire con successo un mezzo per evitare una regolamentazione costosa e potrebbe avere un vantaggio competitivo rispetto alla classica assicurazione regolamentata.

Nell’articolo si discute come l'assicurazione basata sulla Blockchain possa funzionare e si identificano alcune sfide tecniche e altri ostacoli che potrebbero presentarsi.

STATISTICHE
NEWS