Yu-Hung CHEN, Baojun JIANG
“Effects of Monitoring Technology on the Insurance Market”
Assicurazione auto


I fenomeni di selezione avversa e di azzardo morale, ritenuti frequenti nei mercati assicurativi auto, possono trovare nella tecnologia importanti fattori di mitigazione.
Gli strumenti tecnologici di raccolta di dati installati all'interno dei veicoli, infatti, possono registrare enormi quantità di informazioni sui comportamenti di guida dei conducenti e sui relativi fattori di rischio.
Tali tecnologie di monitoraggio consentono agli assicuratori di applicare un premio in funzione dei comportamenti alla guida registrati, il che concorre a ridurre il “moral hazard” del conducente. Possono anche permettere all'impresa assicuratrice di definire il premio sulla base di stime migliori dei fattori di rischio cui è esposto il conducente, riducendo l’entità del problema della selezione avversa.

Gli Autori forniscono un quadro analitico per esaminare l'impatto delle tecnologie di monitoraggio sulle compagnie e sugli assicurati.
L’analisi mostra che, in una situazione di duopolio (in cui sono presenti due imprese), l'adozione da parte di un'impresa di tecnologie di monitoraggio può avvantaggiare anche la concorrente, poiché entrambe hanno incentivi per indirizzarsi verso segmenti di mercato differenti (quella che ha adottato la tecnologia potrebbe offrire solo contratti “monitorati” a conducenti più virtuosi, mentre la concorrente potrebbe indirizzarsi alla clientela più rischiosa), portando a una concorrenza di prezzo meno intensa sul mercato e riducendo il surplus per gli assicurati.

Si dimostra, inoltre, che se una società ha adottato la tecnologia di monitoraggio, la sua concorrente potrebbe non avere alcun incentivo a fare uso di tale tecnologia anche se il costo di acquisizione fosse pari a zero, in quanto l’eventuale adozione potrebbe ripristinare condizioni di più accentuata competizione in tutti i segmenti del mercato.

Infine, l’impresa “tecnologica” può beneficiare di più della situazione quando i conducenti si caratterizzano per differenti tipologie di rischio rispetto al caso in cui rientrano nelle medesime tipologie, in quanto nella prima ipotesi la compagnia rinuncia a segmenti di mercato più ridotti (conducenti a più alto rischio).

STATISTICHE
NEWS