Leandro d’AURIZIO
“Value added and profitability of the Italian insurance companies: what is that actually matters?” (QUADERNO IVASS n. 12, marzo 2019)
IVASS – ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI
https://www.ivass.it/homepage/index.html
Redditività


Nel Quaderno recentemente pubblicato da IVASS si analizzano i principali indicatori di performance delle imprese assicuratrici italiane nel periodo compreso tra il 2005 e il 2017.  Le compagnie sono classificate secondo il tipo di proprietà, allo scopo di distinguere, rispetto al resto del mercato, soprattutto quelle controllate da banche. La distinzione è rilevante alla luce del processo di integrazione registrato nel settore finanziario in tutta Europa.

Le performance delle compagnie sono misurate in termini di valore aggiunto lordo, calcolato con la medesima metodologia seguita dal sistema dei conti nazionali, e di Return on Equity (ROE).  Con un modello econometrico si studiano le correlazioni tra l’utile e gli elementi reddituali che generano il valore aggiunto lordo, tenendo conto delle principali caratteristiche delle varie compagnie.

I principali risultati dell’analisi sono i seguenti:

  • le compagnie di bancassurance evidenziano livelli più elevati di valore aggiunto per dipendente rispetto alle imprese tradizionali, il che è dovuto soprattutto alla loro minore dimensione in termini di numero di dipendenti; il risultato opposto si ottiene quando si rapporta il valore aggiunto ai premi raccolti;
  • la redditività misurata dal ROE tende ad essere superiore per le compagnie della bancassurance, come conseguenza di una migliore performance nel periodo 2009-2017;
  • un esercizio di modellizzazione lineare degli utili aziendali rispetto alle principali componenti positive del valore aggiunto, tenuto conto di un’ampia gamma di fattori condizionali, indica che il tipo di proprietà non è significativo e che utili più elevati sono principalmente associati a rendimenti maggiori ottenuti dagli investimenti finanziari.

 

 

STATISTICHE
NEWS