Ivan FAIELLA and Filippo NATOLI
“Natural catastrophes and bank lending: the case of flood risk in Italy”
QUESTIONI DI ECONOMIA E FINANZA
Occasional Paper no. 457 October 2018
Calamità naturali

 

Lo studio di Bankitalia analizza le relazioni tra la disponibilità di credito bancario e il livello di rischio catastrofale, prendendo come universo di analisi il settore bancario italiano e la sua esposizione creditizia nei confronti delle imprese attive nelle aree colpite dal rischio alluvione.

Correlando la mappa delle aree a rischio con il database a livello comunale dei prestiti bancari, lo studio dimostra che – depurando i dati da altre variabili come il livello di sviluppo economico della zona o il settore di attività delle imprese considerate – esiste una correlazione negativa significativa tra il livello del credito verso imprese non finanziarie e la loro esposizione al rischio alluvioni.

Anche l’analisi a livello provinciale  - che tiene maggiormente conto di variabili quali la tipologia dell’istituto di credito o dell’impresa -  conferma questa ipotesi, in particolare quando le imprese debitrici sono di dimensione piccola e media.

I risultati dell’analisi di regressione non sono controllati relativamente alla presenza o meno di coperture assicurative sulle calamità naturali. A questo proposito, tuttavia, lo studio spiega che - considerata la relativamente ridotta diffusione di questa garanzia assicurativa (44% del campione, composto da imprese di dimensioni medio-grandi)(1) -  è possibile mantenere la conclusione generale di un’elevata correlazione negativa tra credito ed esposizione al rischio alluvionale.

Si tratta di uno dei primi studi che indaga la relazione tra rischi di calamità naturali, aggravati dall’evoluzione del cambiamento climatico, e politiche di erogazione del credito.

_________________________

(1) Sulla diffusione di polizze contro il rischio idrogeologico per le imprese italiane, si veda: “La diffusione di polizze contro il rischio idrogeologico presso le imprese italiane con almeno 20 addetti nel 2016”.  - ANIA TRENDS, Newsletter dell’Ufficio Studi  (settembre 2018)
http://www.ania.it/export/sites/default/it/pubblicazioni/COLLANE-PERIODICHE/ANIA-Trends/ANIA-Trends-Newsletter-Ufficio-Studi/set-18.pdf


 

STATISTICHE
NEWS