NEWS
“Why many individuals still lack flood protection: new findings”(report Zurich/Wharton School)
“Turning knowledge into action: processes and tools for increasing flood resilience”(report Zurich/IIASA)
ZURICH INSURANCE GROUP - http://knowledge.zurich.com/
THE WHARTON SCHOOL – UNIVERSITY OF PENNSYLVANIA - https://www.wharton.upenn.edu/
IIASA – INTERNATIONAL INSTITUTE FOR APPLIED SYSTEMS ANALYSIS - http://www.iiasa.ac.at/
Calamità naturali, Alluvioni

Zurich Insurance Group ha recentemente pubblicato due report dedicati al rischio alluvione.

Il primo, realizzato insieme alla Wharton School della University of Pennsylvania (USA), analizza le motivazioni per cui i cittadini sono tendenzialmente portati a sottoassicurarsi contro il rischio in questione.
Secondo gli Autori, i motivi sono individuabili nella scarsa propensione a investire in misure di prevenzione.

Elemento fondamentale della sottoassicurazione è anche l’azzardo morale, che si può verificare se gli schemi assicurativi pubblici (ovvero i sistemi statali di indennizzo ex-post) finiscono per indurre i cittadini a pensare che l’adozione di misure preventive non rappresenti una reale necessità.
E’ quindi indispensabile, secondo lo studio, progettare un’offerta assicurativa in grado di limitare l’azzardo morale e di costituire uno stimolo agli “investimenti in prevenzione”.

Il secondo report, realizzato da Zurich insieme a The International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA), si concentra su modalità e azioni necessarie per migliorare la capacità delle economie di far fronte ai fenomeni alluvionali.
E’ essenziale – secondo gli Autori – superare le attuali modalità di gestione del rischio in questione, intervenendo non solo sulle conseguenze del problema ma anche sulle cause.

L’azione congiunta di imprese di assicurazione e comunità sociali sta portando a definire una serie di strumenti che possono contribuire a migliorare la “resilienza” verso questi fenomeni: si tratta di generali azioni di prevenzione, ma anche – ad esempio - di politiche di incentivo economico e urbanistico al fine di non creare agglomerati urbani eccessivamente concentrati.
Si stima, infatti, che per ogni dollaro speso in azioni di prevenzione e mitigazione si risparmino cinque dollari in termini di costi dei sinistri.

Obiettivo finale è quello di creare un compendio delle soluzioni praticabili, in grado di suggerire proposte e azioni utili a tutti i soggetti coinvolti.

STATISTICHE