NEWS
Anthony SHORROCKS, Jim DAVIES, Rodrigo LLUBERAS
“Global Wealth Report 2015” (Report)
“Global Wealth in 2015: underlying trends remain positive” (Press Release, 13.10.2015)
Ricchezza, Risparmio

Credit Suisse Research Institute ha recentemente pubblicato il “Global Wealth Report 2015” (1).

Nell’ultimo anno (il periodo considerato va dalla metà del 2014 alla metà del 2015) la ricchezza mondiale ha raggiunto i 250.000 miliardi di dollari.

Se, da un lato, la ricchezza continua a concentrarsi prevalentemente in Europa e negli Stati Uniti, dall’altro il suo aumento più deciso si è registrato nei paesi emergenti e soprattutto in Cina, dove, rispetto all'inizio del secolo, l’ammontare è addirittura quintuplicato.

A partire dagli anni 2000, la ricchezza complessiva della classe media ha evidenziato una forte crescita in tutte le regioni e in quasi tutti i paesi.

A livello globale, il 14% della popolazione adulta complessiva fa parte della classe media (664 milioni di adulti). La middle class cinese ha superato, da un punto di vista numerico, quella statunitense: la prima conta, infatti, 109 milioni di persone, rispetto ai 92 milioni che si riscontrano negli Stati Uniti.

In uno scenario di crescita della ricchezza complessiva, tuttavia, la diseguaglianza economica è in continuo aumento.

L'incremento dei prezzi delle azioni e degli altri strumenti finanziari nei paesi ricchi ha spinto verso l'alto la quota di ricchezza delle persone più abbienti, causando un aumento della disuguaglianza. L’1% più ricco della popolazione possiede ora poco più della metà del patrimonio mondiale, mentre il 10% più abbiente detiene l'87,7 %.

Oggi, per far parte della metà più ricca della popolazione adulta mondiale occorrono 3.210 dollari, al netto dei debiti. Per rientrare nel 10% più facoltoso sono necessari 68.800 dollari, contro i 759.900 dollari necessari per essere annoverati fra l’1% più benestante.

Si stima, conclude il report, che la ricchezza globale continui a crescere a un tasso annuo del 6,5% nei prossimi anni, salendo a 345.000 miliardi di dollari nel 2020, il 38% in più rispetto ad oggi.

Cina e India sono destinate a registrare, nei prossimi cinque anni, tassi di crescita annuale superiori al 9%.

 ________________________________

(1) Per il precedente, si veda: “Credit Suisse “Global Wealth Report” 2014: aumenta la ricchezza, crescono le disuguaglianze, in Panorama Assicurativo n. 133, novembre 2014 (sezione “News”).
http://www.panoramaassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=36232&est=1

 

STATISTICHE