NEWS
Sebastien ACEDO, 13.07.2015
Fraude à l’assurance: une facture de 2,5 Md€ en dommages en 2014 (Alfa)
ARGUS DE L’ASSURANCE
http://www.argusdelassurance.com
Analisi dei mercati

La pubblicazione del rapporto 2014 dell’Agenzia francese per la lotta alle frodi assicurative (ALFA) denota che gli atti fraudolenti a danno del settore tendono ad aumentare, come del resto la capacità delle compagnie di individuarli e sventarli.
Il conto 2014 per il settore è salato: 2,5 miliardi di euro, pari al 5% dell’intera raccolta danni.

False dichiarazioni in sede di sottoscrizione, tentativi di recupero della franchigia, sinistri simulati rappresentano eventi tutt’altro che sporadici nel settore. Il report sottolinea una correlazione fra la frequenza delle frodi e la difficile congiuntura economica del 2014. Nel solo esercizio considerato sono stati individuati 42.529 casi fraudolenti, pari a quattro volte il numero rilevato nel 2003.
Ciò che colpisce è che in molti casi i tentativi di truffa sono finalizzati a risparmiare poche centinaia di euro, come nel caso delle coperture cristalli.

L’azione di prevenzione delle frodi ha permesso di evitare prestazioni non dovute per 219 milioni di euro. Si tratta di una cifra piuttosto contenuta rispetto alla dimensione complessiva del fenomeno, ma in costante aumento se si considera che nel 2003 si erano potuti risparmiare solo 47 milioni di euro.

L’auto rimane uno dei settori più colpiti dal fenomeno. I casi fraudolenti individuati sono stati 27.000, con un risparmio per le compagnie di 101 milioni di euro. In questo ramo è da rilevare la particolare composizione delle frodi e il loro differente peso.
Poco meno della metà dei casi ha riguardato sinistri con terzo sconosciuto, per un risparmio di 14 milioni di euro.
I casi fraudolenti con danni alla persone rappresentano invece il 2% dei casi totali, ma pesano per quasi la metà del risparmio realizzato dalle compagnie (47,4 milioni di euro).
Si tratta in molti casi di problemi fisici difficilmente documentabili a livello medico o della loro sopravvalutazione a fronte di un sinistro reale.

Negli altri rami il rapporto sottolinea il peso rilevante in termini di casi – ma non in termini economici – delle frodi legate alle coperture per la casa. Il costo medio del sinistro fraudolento in queste situazioni è infatti di poco superiore a 10.000 euro.
Il rapporto è stato redatto sulla base delle evidenze tratte da un campione rappresentativo del 76,9% del mercato danni francese.

 

STATISTICHE