Daniel SCHWARCZ
“The risks of shadow insurance”
SSRN –SOCIAL SCIENCE RESEARCH NETWORK
http://ssrn.com
Assicurazione vita, Riassicurazione

In un tipica operazione che può essere qualificata come shadow insurance, un’impresa di assicurazione vita acquista una copertura riassicurativa da una compagnia del gruppo autorizzata a operare come società captive, pur non essendo in possesso di un’autorizzazione come impresa riassicuratrice.

Operazioni di questo tipo sono state oggetto di attenzione, negli ultimi anni, da parte del Federal Insurance Office (FIO), del Financial Stability Oversight Council (FSOC), della Federal Reserve Bank e della NAIC.

Nonostante la crescente attenzione delle Autorità di vigilanza competenti, i meccanismi precisi attraverso i quali la shadow insurance può generare rischi per gli assicurati, per l’industria assicurativa e per il più ampio sistema finanziario rimangono definiti in misura insufficiente.

Anche per questa ragione, continua a essere vivo il dibattito sui limiti entro i quali gli strumenti tradizionali della regolamentazione e della vigilanza a livello statale sono in grado di affrontare adeguatamente i rischi della shadow insurance.

L’Autore intende contribuire al dibattito identificando e descrivendo i quattro rischi principali posti dalle differenti tipologie di “assicurazioni ombra”.

In primo luogo, tali operazioni presentano un rischio di default del riassicuratore, ossia il rischio che la società captive non sia in grado di far fronte agli impegni nei confronti dell’assicuratore diretto.
Secondo, gli assicuratori diretti si espongono al cosiddetto recapture risk, ossia all’eventualità di dover liquidare transazioni riassicurative che sono parte di un più ampio programma di shadow insurance.
In terzo luogo, la shadow insurance può accentuare il rischio di correlazione della capogruppo, nell’ipotesi che un shock finanziario specifico possa colpire in modo analogo imprese facenti parte di uno stesso conglomerato finanziario.
Infine, alcune operazioni di shadow insurance possono dar vita a un rischio di interconnessione tra settore bancario e settore assicurativo.

L’Autore evidenzia che la regolamentazione statale, nel contesto statunitense, si è tradizionalmente concentrata quasi in esclusiva sul rischio di default del riassicuratore, ignorando le altre tre importanti categorie di rischio.

 

STATISTICHE
NEWS