Articolo tratto da: PANORAMA ASSICURATIVO (http://www.panoramassicurativo.ania.it/?idcnt=40614)
REGNO UNITO: LA VIGILANZA (PRA) SULLA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI DA CLIMATE CHANGE
BOE/PRA - PRUDENTIAL REGULATION AUTHORITY (BANK OF ENGLAND) - https://www.bankofengland.co.uk/prudential-regulation/
Finanza sostenibile, Rischio climatico

 

Il Policy Statement (PS 11/19) - recentemente pubblicato dall’Autorità di vigilanza prudenziale britannica (PRA) insieme a una “Appendix” (SS3/19) - fornisce un feedback su un precedente documento di consultazione (Consultation Paper CP23/18(1)) in materia di rafforzamento degli approcci di banche e assicurazioni per la gestione dei rischi finanziari derivanti dai cambiamenti climatici.

Le proposte contenute nel CP23/18  miravano a definire le modalità con cui sistemi efficienti di governance, risk management, analisi di scenario e informativa verso l’esterno potessero essere utilizzati per fronteggiare i rischi da cambiamento climatico, con l’obiettivo finale della realizzazione -  da parte di compagnie assicuratrici  e istituti di credito - di un approccio strategico nella gestione di tali rischi, identificando le azioni di mitigazione necessarie.

Nel  Policy Statement (PS 11/19)  viene precisato che PRA ha ricevuto 54 risposte alla consultazione - generalmente in accordo con le proposte formulate dall’Autorità.  Sulla base dei feedback ottenuti, PRA ha provveduto:

  • a fornire maggiore chiarezza sulle tempistiche appropriate per le analisi di scenario;
  • ad aggiornare, ai fini di maggior chiarezza, la formulazione delle aspettative della Vigilanza in materia di disclosure;
  • a precisare che non è sempre possibile realizzare attività di hedging per posizioni correlate ad asset esposti al rischio climatico.

Infine, i contenuti del Supervisory Statement SS 3/19 (Appendix) indicano che le analisi effettuate da PRA sulle pratiche in uso nei settori bancario e assicurativo hanno evidenziato il miglioramento degli  approcci alla gestione dei rischi finanziari da cambiamento climatico. Tuttavia,  ancora  pochi operatori adottano un approccio strategico che consideri come  gli interventi in atto possano influenzare i rischi finanziari in futuro.

Il capitolo 2, in particolare, descrive i due fattori di rischio all’origine dei rischi in esame e gli elementi distintivi che - se considerati insieme - richiedono un approccio strategico. Le aspettative di PRA in merito a tale approccio sono illustrate nel capitolo 3.

_________________________

(1) Si veda, in proposito: “Regno Unito: consultazione PRA sulla gestione  dei rischi finanziari da climate change nelle banche e nelle assicurazioni”, in Panorama Assicurativo n. 181, novembre 2018 (Sezione “NORMATIVA”).
http://www.panoramaassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=40092&est=1