Articolo tratto da: PANORAMA ASSICURATIVO (http://www.panoramassicurativo.ania.it/?idcnt=40354)
ISOLE CAYMAN: I DATI ASSICURATIVI DEL 2017
CIMA – CAYMAN ISLAND MONETARY AUTHORITY - https://www.cima.ky/
Analisi dei mercati

 

L’ultimo report dell’Autorità di vigilanza monetaria delle Isole Cayman (CIMA) dedica una sezione specifica all’illustrazione dell’andamento del settore assicurativo nel 2017.

Il business è strutturato in due fondamentali componenti: quello dei rischi locali, in cui operano le compagnie stabilite facenti parte della Class A secondo la classificazione dell’Authority, e quello – largamente preponderante - dei rischi esteri, operato da compagnie iscritte nelle Class B (compagnie assicuratrici e riassicuratrici captive), Class C (compagnie specializzate nell’emissione di Insurance Linked Securities - ILS) e D (grandi riassicuratori open-market).

Il mercato dei rischi esteri ha totalizzato nel 2017 premi per 12,4 miliardi di dollari delle Cayman (13,2 miliardi di euro), l’8,1% in meno rispetto all’esercizio precedente. Il valore degli attivi nell’esercizio si è invece incrementato dell’1,7%, raggiungendo i 61 miliardi di dollari (64,9 miliardi di euro).

Sul mercato sono risultati in attività 696 operatori specializzati in rischi esteri (-11 operatori nel corso dell’anno, principalmente per effetto di  operazioni quali fusioni/acquisizioni e maturazione di cat-bonds).

In virtù di questi numeri, le Isole Cayman si sono confermate come la seconda più importante piazza al mondo quanto a presenza di compagnie captive.

La maggior parte di tali imprese è specializzata in malpractice medica, circostanza che rende le Isole Cayman il principale domicilio per questa specifica tipologia di attività.

Con riferimento all’origine geografica dei rischi coperti, il 90% risulta proveniente dal Nord America, mentre i rischi europei hanno riguardato il 2% del totale.

Quanto al mercato dei rischi domestici sono stati pubblicati i dati a tutto il 2016, che evidenziano una raccolta diretta di 598 milioni di dollari (636 milioni di euro); le principali componenti sono  le coperture sanitarie, con 244 milioni di dollari (259 milioni di euro), e quelle property con 157 milioni di dollari (167 milioni di euro).

Gli oneri per sinistri hanno sfiorato i 274 milioni di dollari, mentre la gestione tecnica si è chiusa con un saldo positivo di 113 milioni. La gestione finanziaria ha prodotto utili per oltre 10 milioni di dollari (10,6 milioni di euro), mentre l’utile netto di esercizio ha superato i 124 milioni di dollari (132 milioni di euro).

Secondo i ranking 2017 elaborati da Swiss Re (“Sigma”) sulla base della raccolta premi, le Isole Cayman si collocano al 16° posto fra i mercati assicurativi della regione America latina/Caraibi e all’87° su scala mondiale.