Articolo tratto da: PANORAMA ASSICURATIVO (http://www.panoramassicurativo.ania.it/?idcnt=40350)
STATI UNITI, REQUISITI PATRIMONIALI PER LE INSURANCE HOLDING COMPANIES: LA POSIZIONE DELLA FED
FED – FEDERAL RESERVE - https://www.federalreserve.gov/default.htm
Vigilanza, Gruppi

 

In un recente meeting organizzato dall’American Council of Life Insurers (ACLI), Randal K. Quarles, vice Presidente per la vigilanza della Federal Reserve, ha illustrato l’attività in corso da parte della Banca centrale statunitense in materia di vigilanza e regolamentazione in campo assicurativo.

Il focus del suo intervento ha riguardato la definizione dei requisiti patrimoniali per le società di partecipazioni assicurative (“insurance holdings companies”), un’iniziativa avviata qualche anno fa e di cui è imminente la pubblicazione delle relative proposte.
Nel processo di definizione delle proposte regolamentari, la Federal Reserve si è basata su alcuni principi ritenuti fondamentali:

  • l’approccio deve riflettere tutti i rischi materiali cui sono esposte le imprese del gruppo;
     
  • l’approccio deve essere il più standardizzato possibile – anziché basarsi su modelli interni – per promuovere la trasparenza e facilitare i confronti fra aziende;
     
  • l’approccio, al fine di contenere gli oneri regolamentari, si basa sugli esistenti standard contabili nazionali (US GAAP) e sulle vigenti regole patrimoniali;
     
  • l’approccio deve riflettere, e non penalizzare, la lunga durata delle passività assicurative, favorendo una costante offerta di prodotti di risparmio e rafforzando i flussi di investimenti nell’economia.

Le proposte della FED, denominate Building Block Approach (BBA), prevedono i seguenti elementi:

  • ogni “Building Block” comprende imprese soggette al medesimo regime patrimoniale, in base al quale vengono determinati i requisiti e il capitale disponibile a livello individuale (ad esempio, le imprese controllate che esercitano l’assicurazione vita sono soggette ai requisiti patrimoniali previsti per quel settore; le banche sono soggette al loro specifico regime patrimoniale);
     
  • per le attività non bancarie e non assicurative, al fine di evitare fenomeni di arbitraggio regolamentare, si applica la disciplina bancaria;
     
  • i requisiti dei singoli Building Blocks sono poi aggregati, previa applicazione di alcuni aggiustamenti, tenendo conto anche dei tassi storici di default registrati nei rispettivi regimi di appartenenza.