Articolo tratto da: PANORAMA ASSICURATIVO (http://www.panoramassicurativo.ania.it/?idcnt=40109)
GERMANIA: TEMPESTE E GRANDINE FRA LE MAGGIORI CAUSE DI DANNO DA CALAMITA’ NATURALE (DATI GDV)
GDV - GESAMTVERBAND DER DEUTSCHEN VERSICHERUNGSWIRTSCHAFT E.V. - https://www.gdv.de/
Calamità naturali

 

L’Associazione tedesca delle imprese assicuratrici (GDV) ha recentemente pubblicato la nuova edizione (dati 2017) del documento (“Naturgefahrenreport”) che, su base annua, traccia un bilancio delle conseguenze delle calamità naturali che hanno colpito il Paese.

I danni assicurati sono risultati pari a 2,9 miliardi di euro (2,5 miliardi nel 2016); rispetto al totale, 2,6 miliardi (90%) sono correlati agli effetti di tempeste e grandinate (1,6 miliardi nel 2016, corrispondenti al 65%). Le piogge violente e le alluvioni hanno causato danni per 300 milioni.
La maggior parte dei danni assicurati (2 miliardi) sono relativi ad abitazioni e al loro contenuto, a immobili ad uso commerciale/industriale, all’agricoltura; i danni ai veicoli ammontano invece a 860 milioni di euro.

Inoltre, le tempeste invernali 2017/2018 stanno già pesando sul bilancio e l’esercizio in corso potrebbe facilmente essere iscritto tra le annate più gravose in termini di danni per le imprese assicuratrici: la maggior parte degli oneri sono riconducibili alle tempeste "Friederike" e "Burglind" (gennaio 2018); a questo proposito – precisa il comunicato GDV -, solo le tempeste invernali "Lothar" (1999), "Jeanett" (2002) e "Kyrill" (2007) hanno superato "Friederike" in termini di forza distruttrice.

Secondo i dati GDV, il 93% dei proprietari di immobili ad uso abitativo è assicurato contro i danni derivanti da tempesta e grandine. Tuttavia, solo il 41% dispone di una copertura “all-risks” per la casa e solo questi ultimi, pertanto, possono beneficiare di una protezione anche contro le conseguenze di forti piogge e inondazioni.